Cosa vedere a Segovia: acquedotto, cattedrale e alcazar


Come avvenuto nel post precedente, anche oggi vi propongo un percorso che ho realizzato io stesso alla scoperta di una città spagnola. Percorso che potrete modificare o implementare secondo i vostri personali gusti. Si tratta di un giorno trascorso Segovia, a nord-ovest di Madrid, regione Castilla y León, raggiungibile facilmente in treno Renfe AVE dalla capitale, stazione Chamartin fino alla stazione Segovia Guiomar. Info sul sito Go Euro.
Dal parcheggio della stazione di Guiomar si prende il bus linea 11 per Plaza Artilleria, accanto all’acquedotto romano, o linea 12 per Paseo Ezequiel Gonzalez al prezzo di 2 Euro. Io personalmente ho preso quest’ultima e sono sceso esattamente davanti alla caserma della Polizia prendendo poi a destra all’incrocio con avenida Aqueducto, e passando davanti alla chiesa parroquia San Millan, proseguendo poi sempre dritto fino a plaza Artilleria con la prima delle attrazioni turistiche: lo splendido acquedotto romano. Appena arrivati a plaza Artilleria, sulla sinistra c’è l’ufficio turismo con la scala che conduce al belvedere (mirador del aqueducto) e al postigo del consuelo. Passando sotto gli archi dell’acquedotto c’è la loba capitolina o luperca e accanto si sale a sinistra su calle San Juan fino alla curva con la casa de las Cadenas e casa de los Marqueses de Lozoya. Quest’ultima si trova all’inizio di calle Luis Felipe de Penalosa al termine della quale c’è plaza Colmenares con busto di Daniel Zuloaga, chiesa, postigo e giardino San Juan de los Caballeros. 
Una volta tornati all’acquedotto si prende calle Cervantes passando davanti al mirador de Canaleja (a destra) e al palazzo de lo Pijos (a sinistra). Pochi metri dopo, proseguendo sulla stessa via, che cambia nome in calle de Juan Bravo, si arriva all’imbocco con calle de la Alhondiga che conduce fino al palazzo della Alhondiga passando davanti al palazzo del Conde Alpuente. Tornati su calle de Juan Bravo si arriva a piazza Medina del Campo con chiesa San Martin di fronte a cui c’è un carcere medievale. Infilandosi su calle de la Luna si arriva a puerta e postigo de la Luna. Tornati a avendo proseguito su calle Juan Bravo fino a plaza del Corpus per vedere il palazzo Corpus Christi, si può girare a destra per imboccare calle Isabel la Catolica arrivando a plaza Mayor. Qui ci sono la cattedrale e dall’altra parte l’iglesia San Miguel. Quando ci sono stato io gli orari di apertura della cattedrale di Segovia. Info sul sito ufficiale.
La terza parte interessante della città di Segovia dopo l’acquedotto romano e la cattedrale è quella dell’Alcazar de Segovia. Per arrivarci dalla piazza dobbiamo imboccare calle San Frutos poi Barrionuevo e Martinez Campos per arrivare fino alla puerta de San Andres (che è visitabile). Superata la piccola plaza Socorro si percorre in salita Calle del Socorro, passando davanti al museo de Segovia (con belvedere). La stessa strada cambia nome in Ronda de Don Juan II e diventa più panoramica passando sulla “muralla” per arrivare all’ingresso dei giardini del Alcazar. Sul sito ufficiale trovate le info. 

Puoi leggere anche il percorso per arrivare ai migliori punti panoramici per fotografare l'alcazar de Segovia. 
Consiglio: nell'app store trovate varie app turistiche per Segovia.

Se sei interessato a restare a Segovia più di un giorno ti consiglio di cercare alloggio su AirBnb. Qui ti regalo 25 euro per la tua prima prenotazione
Soggiorno che puoi pagare scoprendo i vantaggi della carta Hype


1 commenti:

 

Iscriviti alla newsletter

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche