Guatemala: riprende il processo a Efraín Ríos Montt

Di Efraín Ríos Montt e del processo per i numerosi crimini che commise nel suo pur breve periodo a capo del Guatemala Diario Latino ha già scritto in passato. Torno a occuparmene rapidamente oggi facendo un breve riassunto. Nel 1994 una commissione patrocinata dalle Nazioni Unite stabilì che il 93% dei crimini commessi durante la guerra civile in Guatemala vennero perpetrati dall'esercito o dai paramilitari. Fu, dunque, un genocidio di Stato commesso contro gli indigeni di etnia Maya. Dal 2001 la giustizia guatemalteca sta giudicando e condannando vari militari e agenti delle forze dell'ordine per i crimini della guerra civile. Il generale Efraín Ríos Montt, allora capo di stato è sotto processo assieme al capo dell'intelligence militare, José Mauricio Rodríguez Sánchez, con l'accusa di genocidio e crimini di guerra. Sarebbero 1771 i Maya Ixil uccisi e altri 29 mila i rifugiati, alcuni dei quali vittime di violenze. Dal gennaio 2012, data dell'inizio del processo, Efraín Ríos Montt è agli arresti domiciliari avendo perso l'immunità di cui godeva. Martedì 30 aprile il giudizio è ripreso. La prima udienza è stata fissata per il 2 maggio. 

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche