Operación E sarà proiettato anche in Colombia

Il film Operación E sarà proiettato anche in Colombia. E' stato respinto il ricorso presentato da Clara Rojas che puntava a vietare la proiezione della pellicola del regista Miguel Courtois-Paternina in quella Colombia dove è stata girata. Non viola i diritti del minore che ne è protagonista e non ne danneggia il libero sviluppo, è stato stabilito dal Juzgado Primero de Ejecución de Penas y Medidas de Seguridad di Bogotá. Come Diario Latino ha già scritto in un post precedente, Operación E è incentrato sulla figura di Emmanuel, dato alla luce da Clara Rojas nella selva dopo una relazione con uno dei sequestratori ed in seguito affidato a José Crisanto Gómez Tovar, un contadino di un piccolo villaggio. Il copione di Antonio Onetti vede protagonisti Luis Tosar nel ruolo di José Crisanto e Martina García in quello di Liliana. Proprio Crisanto venne in seguito arrestato dalla polizia passando 4 anni in carcere con l'accusa di sequestro di minore.



Operación E, quindi, è ispirata a una storia vera e rappresenta il controcampo alla notizia ufficiale del rilascio di tre ostaggi delle Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia avvenuta nella regione del Guaviare il 18 dicembre 2007 quando le FARC  annunciano la liberazione di Clara Rojas, suo figlio Emmanuel e Consuelo González de Perdomo. Rojas, politica e avvocato colombiano, aveva già detto di considerare il film una distorsione della verità e ne aveva chiesto ed ottenuto la non proiezione in Colombia. A risponderle era stato Farruco Castroman, uno dei produttori, precisando che il film racconta più la storia del contadino José Crisanto e della sua famiglia, che della stessa Rojas e definendo il film un omaggio alle vittime del conflitto armato. Dopo mesi di negoziazioni tra il suo avvocato e quello della casa produttrice, ora, arriva la nuova sentenza ribalta la situazione. 
Operación E  è stato presentato a dicembre in Spagna, mentre per marzo 2013 è previsto l'arrivo nel paese latinoamericano. Clara Rojas avrebbe la possibilità di presentare appello presso il Tribunal Superior di Bogotá, ma non è chiaro se abbia intenzione di farlo. 

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche