Incendio in discoteca: tragedia al Kiss di Santa Maria

Tre giorni di lutto nazionale sono stati dichiarati in Brasile a seguito dell'incendio in una discoteca di Santa Maria: il Kiss. Nella città universitaria dello stato di Rio Grande do Sul, sud del paese, 233 persone hanno perso la vita. Sono in maggioranza studenti della Universidad Federal de Santa Maria che partecipavano ad una festa. L'incendio si è sviluppato attorno alle 2:30 della domenica mattina. Quasi tutti sono stati intossicati dal fumo sprigionatosi da tetto del Kiss in fiamme. Causa: l'accensione di un fuoco artificiale da parte del gruppo musicale che stava suonando. Al momento il locale ospitava tra le 1000 e le 1500 persone.  Gli stessi componenti del gruppo hanno cercato di spegnere l'incendio con un estintore, senza successo. Secondo le tesimonianze, la folla impaurita si è riversata verso l'unica uscita presente. Tre ore sono servite ai vigili del fuoco per controllare l'incendio in discoteca, che, da quanto riportano i media locali, aveva una sola uscita, e dall'agosto scorso non era in regola con il permesso emesso dagli stessi vigili del fuoco, ha spiegato il comandante Moisés da Silva Fuchs. I soccorritori, entrati nel Kiss, hanno trovato molti dei cadaveri nei pressi dei bagni o sul pavimento, calpestati dalla folla. Il riconoscimento dei corpi ha luogo presso il centro sportivo comunale, dove si è recata anche la presidente Dilma Rousseff, che ha sospeso la sua partecipazione alla assemblea della Celac a Santiago del Cile. Gli intossicati continuano ad essere curati negli ospedali, mentre solo alcuni sono ricoverati nelle unità grandi ustionati.  
Nella città di Santa Maria, 260 mila abitanti a 300 chilometri da Porto Alegre, capitale dello stato di Rio Grande do Sul, i giorni di lutto saranno 30. Posticipato anche un evento in occasione dei 500 giorni al Mondiale di Calcio 2014.

 

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche