La ricerca della Felicitas delle donne messicane

Irene Aguilar, agente di Polizia, Mirna Becerra, minatore, Claudia Canela, oculista, Felipe Nava contadina Nahuatl, Guadalupe lavoratrice domestica. 5 donne, 5 vite in città diverse accomunate da una ricerca. Attraverso le loro parole scopriremo idee, segreti, speranze e delusioni di queste donne in cerca della felicità. Mi riferisco al documentario Felicitas il cui scopo è riportare al centro del dibattito la figura ed il ruolo della donna in Messico. Diretto da Erika Araujo, già regista de La vida inagotable, Felicitas è un documentario attuale ed attinente alla situazione femminile vissuta nel Messico odierno. Punta anche ad abbattere il pregiudizio che esistano lavori per uomini e lavori per donne. Nei suoi 70 minuti di durata pone tra le righe la domanda “come educare le nuove generazioni per ridurre la piaga della violenza di genere”. Discriminazione, violenza, sfruttamento, mancanza di opportunità, e quindi di futuro, sono ingredienti della quotidianità in Messico: dalla violenza privata dei coniugi, alla violenza verbale, alle discriminazioni sul posto di lavoro, le difficoltà incontrate dalle 5 protagoniste, simbolo di tutte le donne messicane e latinoamericane, vengono narrate con semplicità e senza giri di parole. Ma quel che più conta è la speranza in un cambio positivo della situazione in futuro. “Spesso si parla di situazioni di violenza estrema in diverse parti del mondo”, ha spiegato in un'intervista la regista Erika Araujo, “mentre Felicitas punta a descrivere situazioni di violenza quotidiana, reale ed attuale”. Purtroppo un recente sondaggio evidenzia che i giovani di età compresa tra 15 e 17 anni sono più inclini a giustificare la violenza, secondo un sondaggio presentato dal presidente del Consejo Nacional para Prevenir la Discriminación (Conapred), Ricardo Bucio Mújica. I mezzi di comunicazione ed un certo tipo di cinema sono i maggiori indiziati di questa assuefazione alla violenza. 
Il lancio di Felicitas è stato preceduto sulle reti sociali dalla campagna #TodosvsViolencia. Prodotto da Kalafilmes è stato presentato in Messico venerdì scorso, 28 settembre, ed è attualmente in programmazione in diversi cinema del paese.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche