Assange-Pinochet: morale fish&chips

fish-and-chips
Il 27 ottobre 1998 a Londra, in Gran Bretagna, venne arrestato l'ex dittatore cileno Augusto Pinochet, sul cui capo pendeva una richiesta di estradizione da parte della Spagna. L'allora 82enne senatore cileno era in possesso di passaporto diplomatico. Per questo la difesa di Augusto Pinochet addusse che aveva diritto ad immunità diplomatica che copriva gli atti compiuti nell'esercizio delle sue funzioni. Augusto Pinochet avrebbe dovuto essere interrogato dal giudice Baltasar Garzón per delitti di lesa umanità come genocidio, tortura, sequestro di persona, avvenuti nell'ambito dell'alleanza tra dittature latinoamericane nota come Plan Condor. In particolare Baltasar Garzón stava investigando l'omicidio e la tortura di cittadini spagnoli durante il regime di Augusto Pinochet. Dopo 16 mesi di dibattito la Camera dei Lords stabilì che il diritto all'immunità non si estendeva a reati come la tortura e l'omicidio, quindi andava estradato. Ciononostante l'allora ministro dell'Interno britannico, Jack Straw, rifiutò di estradare l'ex dittatore per l'aggravamento delle condizioni di salute. D'altronde, come potevano i britannici estradare l'amico “Pino”, dimenticando quanto fosse stato utile l'uso delle basi aeree cilene nella Guerra delle Malvinas/Falkland? Pinochet tornò, così, in Cile il 3 marzo del 2000, alzandosi dalla sedia a rotelle (stile Lazzaro miracolato da Gesù) per abbracciare alcuni militari cileni. Pinochet morì nel 2006.
Ieri l'Ecuador ha concesso l'asilo diplomatico a Julian Assange, cittadino australiano fondatore di WikiLeaks. Paradossalmente ora la Gran Bretagna rifiuta di accettare tale concessione sostenendo che arresterà Assange appena uscirà dall'ambasciata e metterà piede sul suolo britannico. Ad un certo punto ha paventato la minaccia, poi rientrata viste le conseguenze che avrebbe avuto, di revocare lo status consolare all'ambasciata dell'Ecuador a Londra per farvi irruzione al fine di arrestare Julian Assange ed estradarlo in Svezia.
Quindi riassumiamo la morale dei fish&chips d'oltre manica: Augusto Pinochet era un capo di stato che ha ordinato e pianificato sequestri, torture, omicidi nell'esercizio delle sue funzioni, quindi non andava estradato; Julian Assange ha pubblicato documenti riservati di governi ed ambasciate di tutto il mondo ed è un maniaco sessuale che va consegnato alla giustizia svedese ad ogni costo.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche