Dimessa dall'ospedale Cristina Fernandez. Niente cancro

cristina-fernandez-kirchner
La notizia delle ultime ore è che la presidentessa argentina Cristina Fernandez Kirchner in realtà non aveva un cancro alla tiroide, come diagnosticato e comunicato a fine dicembre. La scoperta l'hanno fatta i medici dell'Hospital Austral del Pilar di Buenos Aires, dove è stata operata con successo, analizzando il tessuto asportatole. Nessuna cellula cancerogena maligna è stata individuata. Si trattava bensì di adenoma follicolare, per questo Cristina Fernandez non sarà sottoposta a trattamento con iodio radioattivo. Durante l'annuncio fatto dal portavoce della Presidenza argentina, Alfredo Soccimarro, i sostenitori di Cristina Fernandez Kirchner, tra cui molti giovani, hanno applaudito con soddisfazione e si sono lasciati andare a canti di gioia per l'esito dell'operazione. Poco dopo hanno iniziato a smobilitare l'accampamento che avevano organizzato. Cristina Fernandez Kirchner è stata riportata alla residenza di Los Olivos, dove passerà i giorni di convalescenza in compagnia dei figli Máximo e Florencia, la madre, Ofelia Wilhelm, la sorella Giselle.
A sostituire la presidentessa a capo della Repubblica Argentina fino al termine della convalescenza, inizialmente della durata di 20 giorni, sarà il vicepresidente Amado Boudou. Alla luce della nuova diagnosi, non si esclude un ritorno anticipato di Cristina Fernandez Kirchner alla vita politica attiva.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche