Il cinema latinoamericano in corsa per i Premios Goya

goya
Di Miss Bala e Un cuento chino ho già scritto. Di Boleto al paraíso e Violeta se fue a los cielos mi impegno sin d'ora a scriverne il prima possibile. Perchè nomino proprio questi quattro films? Perchè all'interno della XXVI edizione dei Premios Goya, in Spagna, c'è una sezione dedicata al Miglior film ispanoamericano, riservata a produzioni provenienti dall'America Latina: in concorso quest'anno ci sono Boleto al paraíso (Cuba), Miss Bala (Messico), Un cuento chino (Argentina), Violeta se fue a los cielos (Cile). Questa mattina, a leggere le candidature ufficiali, sono stati gli attori spagnoli Lluís Homar e Inma Cuesta assieme al presidente della Academia de Cine, Enrique González Macho.
Violeta se fue a los cielos è un film cileno uscito a metà 2011 per la regia di Andrés Wood e la sceneggiatura di Eliseo Altunaga. Se nella vostra mente l'abbinamento Violeta + Cile vi dà come risultato il cognome Parra, complimenti, avete indovinato. E' un film sulla vita della cantautrice Violeta Parra (nome completo Violeta del Carmen Parra Sandoval), con l'attrice Francisca Gavilán nel ruolo della protagonista. Boleto al paraíso, per la regia di Gerardo Chijona, invece, è un viaggio, fisico e spirituale che la protagonista Eunice compie partendo da un paesino dell'interno dell'isola di Cuba verso la capitale La Habana, dove trova l'amore, dove dà alla luce un figlio terminando col contrarre l'AIDS. Boleto al paraíso è stato presentato ufficialmente all'edizione 2011 del Sundance Film Festival. Ulteriori notizie in prossimi posts.
Per ora concludo anticipando che La piel que habito, del regista spagnolo Pedro Almodovar, parte favorita con ben 16 nominations. La cerimonia ufficiale dei Premios Goya, condotta da Eva Hache, si terrà il 19 febbraio al Palacio Municipal de Congresos di Madrid. Qui trovate tutti i film in concorso.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche