Miss Bala: ovvero il narcotraffico visto con gli occhi di Gerardo Naranjo

miss-bala
Gli assidui lettori di Diario Latino e gli abbonati al feed dei miei articoli già lo conoscono. L'ho presentato nel giugno scorso quando venne proiettato al Festival di Cannes. Miss Bala è un film messicano per la regia di Gerardo Naranjo ed interpretato da Noé Hernández, Lakshmi Picazo, Leonor Victorica, Irene Azuela, Jose Yenque. Ad impersonare la protagonista Laura Guerrero, è la modella e attrice Stephanie Sigman. Miss Bala è ambientato nel clima di violenza e abusi generato dall'imperversare delle attività illecite dei cartelli del narcotraffico, diffuso nel Messico odierno. Narra la vicenda di una ragazza che sogna di fare la modella ma finisce arruolata in un cartello del narcotraffico. Come ammesso dal regista Gerardo Naranjo, la trama di Miss Bala prende spunto da un fatto di cronaca realmente accaduto nel dicembre 2008 a Laura Elena Zúñiga Huizar, allora Miss Sinaloa. In risposta, la stessa Laura Elena Zúñiga Huizar nel suo profilo Twitter si è detta rattristata dal fatto che in Messico vengano prodotti film di questo tipo.
Con buona pace della miss, il 9 settembre Miss Bala è arrivato sugli schermi di 60 sale in Messico. Poche settimane fa, è stato presentato al BFI London Film Festival, svoltosi a Londra dal 12 al 27 ottobre. Per l'occasione il regista Gerardo Naranjo ha spiegato in una intervista come è nata l'idea: Miss Bala è una risposta ai prodotti televisivi, anche soap operas, attualmente in circolazione in Messico che ritraggono il sistema criminale imposto dal narco in maniera irreale. Il film, invece, spiega Gerardo Naranjo, descrive il diffuso clima di sfiducia che la popolazione ha verso tutto e tutti: i cartelli del narcotraffico, le autorità, le forze dell'ordine, la legge.
Un film duro e violento, che prende spunto dalla cronaca quotidiana per offrire un punto di vista diverso e peculiare sull'attualità messicana, per stessa ammissione del regista. Un regista con le idee chiare su ciò che vuole rappresentare, ovvero il sentimento dell'opinione pubblica verso il problema violenza generata dal narcotraffico, anche se nel film non si menziona né si vede mai la droga. Ciò che ha colpito molto Gerardo Naranjo e Stephanie Sigman durante le riprese è stata la naturalezza con cui i cittadini messicani, i quali non sapevano si trattasse di un set di un film, guardavano coloro che portavano mitra e armi sotto braccio. In alcuni momenti previ alle riprese non c'erano telecamere e gli attori erano radunati con armi in pugno, mentre a pochi metri passavano famiglie intere con bambini, spiegano i protagonisti in altra intervista, segnale di un'abitudine alla violenza ed una leggerezza verso il possesso ed uso delle armi. In questi giorni Miss Bala partecipa all'AFI Film Festival 2011 di Los Angeles.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche