L'ex presidente argentino riposa qui: inaugurato il mausoleo di Néstor Kirchner

mausoleo-néstor-kirchner
Un anno fa, nella sua residenza di El Calafate moriva per arresto cardiorespitratorio l'ex presidente dell'Argentina Néstor Kichner. In occasione del primo anniversario della scomparsa, nella sua città natale, è stato inaugurato un mausoleo destinato a raccoglierne le spoglie. Una volta entrati e saliti su una scala a chiocciola, la bara dell'ex presidente è visibile dall'alto, coperta dalla bandiera biancoceleste, con fiori ed un fazzoletto bianco, simbolo delle Madres y Abuelas de Plaza de Mayo. Su una delle pareti una foto di Néstor Kirchner all'età di 9 anni con la didascalia “da grande voglio fare il presidente”. Altre due foto sono all'interno. Il mausoleo è largo 13 metri per 15, ed 11 di altezza. 10 i mesi impiegati a costruirlo. Marmo, ardesia, calcestruzzo, legno i materiali utilizzati. Da oggi riposerà lì, nel cimitero municipale di Río Gallegos, provincia di Santa Cruz, dove sua moglie ed attuale presidente dell'Argentina, Cristina Fernandez Kirchner, si è recata ieri mattina poco prima delle 10 in un Suv che seguiva un carro funebre bianco nel quale c'era il feretro di Néstor Kirchner. Cerimonia privata quella di ieri, alla quale hanno partecipato i figli, Florencia y Máximo e il ministro dello Sviluppo Sociale, Alicia Kirchner, cognata di Cristina Fernandez, oltre al capo di gabinetto, Aníbal Fernández, al titolare della Secretaría de Inteligencia, Héctor Icazuriaga, ed altri rappresentanti delle istituzioni come Oscar Parrilli, Carlos Zannini e Juan Manuel Abal Medina.
A partire dalle 14 di ieri il mausoleo Kirchner è aperto al pubblico. All'esterno, due fiaccole sempre accese ed una bandiera argentina, oltre allo stemma del bicentenario dell'indipendenza del paese. In segno di rispetto è vietato entrare con fotocamere o cineprese.
L'inaugurazione è avvenuta poche ore dopo la storica condanna all'ergastolo per Alfredo Astiz e "El Tigre" Acosta, verdugos della giunta militare argentina.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche