Adiós Matteo. E' morto in Messico Matteo Dean

lutto
Nell'email mi arrivavano spesso gli aggiornamenti del suo blog. L'ultimo due giorni orsono. Erano, a volte, articoli relativi a tematiche dure e scomode, che risultavano diversi perchè connotati da quella schiettezza, buona fede e sincerità: caratteristica sempre meno riscontrabili, oggi nella categoria dei giornalisti. Al di là della nostra coincidenza o meno di alcune idee, Matteo Dean era uno che le cose amava vederle con i propri occhi, viverle sulla propia pelle: per questo, ma non solo, da 10 anni aveva scelto di vivere in Messico, a Toluca, dove era sposato con Sol Patricia Rojo Borrego.
Stanotte è morto uno di noi, bloggers latinoamericanisti. Anzi in realtà abbiamo tutti perso una parte della nostra conoscenza. Tutti. La scomparsa di Matteo Dean, 36 anni, giornalista freelance triestino, collaboratore di diverse testate quali Il Manifesto, L'Espresso, Desinformemonos, Proceso, La Jornada, Andinamedia, RaiNews24, ma soprattutto blogger appassionato, lascia un vuoto dificilmente colmabile. E chi leggeva assiduamente il blog di Matteo Dean sa che queste non sono parole di rito. La ricostruzione della polizia messicana dice che Matteo è stato investito da un camion mentre era in fila ad un casello dell'autostrada Ciudad de Mexico-Toluca. L'autista sembra sia stato arrestato.

2 commenti:

  1. Lo siamo tutti. Per me è stato difficile anche trovare le parole per scrivere il post

    RispondiElimina

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche