Le Abuelas de Plaza de Mayo presentano lo Spot de nietos


Spot de nietos - Abuelas de Plaza de Mayo

Sabino Abdala, Mariana Zaffarroni, Carlos D´Elía, Manuel Gonçalves, Juan Pablo Moyano, Matías Espinosa, Victoria Montenegro, Marcos Suárez, Francisco Madariaga sono i protagonisti dello “spot de los nietos”. Tutti hanno recuperato le proprie identità grazie alle Abuelas de Plaza de Mayo. Lo spot de nietos, in questi giorni viene trasmesso dalle tv argentine via etere e cavo, oltre che nelle radio. L'obiettivo è incoraggiare i circa 400 nietos che ancora disconoscono le proprie origini a darsi da fare per arrivare alla verità. L'associazione Abuelas de Plaza de Mayo, presieduta da Estela de Carlotto, punta anche ad arrivare alle coscienze di quanti oggi sono adulti a conoscere l'eventuale esistenza di fratelli e sorelle separati dai genitori alla nascita ed affidati illegalmente ad altre famiglie durante la dittatura argentina. Circa 500 neonati vennero, infatti, considerati bottino di guerra, durante la dittatura instaurata dalla giunta militare argentina tra il 1976 ed il 1983. La strategia, accuratamente pianificata, prevedeva il sequestro di madri in gravidanza nell'ambito di azioni repressive verso quelli che la giunta militare considerava oppositori politici. Le madri venivano sequestrate, torturate e spesso uccise dopo il parto. Ai loro figli venivano falsificati i certificati di nascita e inventati di sana pianta procedimenti di adozione. Il tutto, secondo la giunta militare, al fine di sottrarre i bambini all'educazione sovversiva delle loro famiglie e farli crescere in altre considerate benestanti e più in linea con i loro precetti. Nell'aprile 2010, Reynaldo Bignone, è stato condannato anche per sequestro di minori nei suoi due anni di dittatura, dal 1982 al 1983.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche