Argentina: a luglio la Copa America 2011

ciudad-la-plata
Dal primo al 24 di luglio la sfrenata passione degli argentini per il calcio raggiungerà il suo apice. Si gioca infatti in Argentina l'edizione 2011 della Copa America. A fidarsi, oltre ai padroni di casa, saranno Bolivia, Brasile, Cile, Ecuador, Messico, Paraguay, Perù, Uruguay, Venezuela.
In principio doveva esserci anche il Giappone, incluso nel girone dell'Argentina. A poche ore dalla decisione della federazione giapponese di non partecipare, però, si è saputo che la nazionale asiatica, allenata da Alberto Zaccheroni, sarà sostituita dal Costa Rica. Il Costa Rica, secondo le anticipazioni, schiererà molti Under 23 con 5 fuori quota. Sarà lo stadio di La Plata ad ospitare la partita inaugurale tra Argentina e Bolivia. Nello stesso stadio, il 23 luglio si svolgerà la finale terzo e quarto posto. Costruito nel 2003 può ospitare 53 mila spettatori. Gli altri stadi che ospitano la Copa America 2011 sono il 23 de Agosto a San Salvador de Jujuy con 23 mila posti; il Estadio del Bicentenario a San Juan con 25 mila posti; il Monumental di Buenos Aires con oltre 66 mila posti; il Malvinas Argentinas di Mendoza con 40 mila; il Cementerio de Elefantes a Santa Fe con 47 mila; il Mario Kempes di Cordoba con 57 mila; il Padre Ernesto Martearena di Salta con 20.500 posti. Presnto verrà anche presentato, Creo en America, tema ufficiale della Copa.
La prima edizione della Copa America risale al 1916 ed è paragonabile agli europei di calcio. A bruciare ancora nella memoria degli argentini è il ricordo dell'ultima edizione, quella del 2007 organizzata in Venezuela. Nella finale presso lo stadio José Romero Aforo di Maracaibo, il Brasile di Carlos Dunga ha battuto 3-0 l'Argentina di Alfio Basile. Il 24 luglio al Monumental di Buenos Aires si svolgerà la finale per l'assegnazione della 43esima Copa America. La speranza degli argentini è di essere profeti in patria.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche