"Teotihuacan: la città degli dei". In mostra a Roma il fascino di una civiltà poco cosciuta

teotihuacan-piramide-de-la-luna
Un progetto espositivo dedicato alla civiltà precolombiana che elesse la città di Teotihuacan come propria capitale. La mostra “Teotihuacan: La Città degli Dei” presenta la storia, l’arte e la cultura di uno degli imperi più prestigiosi, ed al tempo stesso misteriosi dell'America Centrale che, prima degli Aztechi, dominò l'area del Mesoamerica. Teotihuacan è nota internazionalmente per ospitare la Piramide del Sole, la Piramide della Luna, il Viale dei Morti e la Cittadella. L’esposizione “Teotihuacan: La Città degli Dei” comprende oltre quattrocento capolavori, reperti di scultura monumentale, rilievi in onice e pitture murali, rinvenuti nel sito archeologico tra i più importanti del Messico, che rappresentano elementi sociali e credenze religiose. Statuette in ossidiana e pietra verde, vasi in terracotta dipinta o intarsiata, bracieri con richiami antropomorfi, mitologici e rituali, testimoniano la raffinatezza, la creatività, la passione per l’arte e la decorazione, di un popolo la cui capacità espressiva, sapienza, abilità e cultura continua ad essere ammirata e studiata ancora oggi.
La mostra “Teotihuacan: La Città degli Dei” è suddivisa in gallerie, la prima delle quali è relativa all'architettura e all'urbanistica, la seconda alla politica e all'economia, la terza e la quarta alla religione e alle cerimonie sacrificali, la quinta alla vita nei palazzi, la sesta alla produzione artigiana, la settima ai rapporti con i vicini. Per la prima volta escono dal Messico quindici frammenti di pitture murali, grazie alla collaborazione con l'Instituto Nacional de Antropologia e Historia (INAH), assieme ad opere provenienti dal Museo di Archeologia di Città del Messico e dal Museo Anahuacalli.
Ancora oggi studiosi, archeologi, storici propongo teorie ed ipotesi diverse circa la sua fondazione. Nata come unione di alcuni villaggi agricoli prima del I secolo a.C., Teotihuacan crebbe fino a divenire tra il III ed il IV secolo d.C. una delle città più grandi mai costruite nel Mesoamerica con una popolazione di quasi 200.000 persone, ed estese il proprio dominio alla maggior parte dell'attuale Messico. Oggi, 40 chilometri a sud di quel territorio sorge Città del Messico. Tuttora è sconosciuto il nome del popolo che la abitò, così come il vero nome della città. Teotihuacan è infatti il nome datole dagli Aztechi quando la scoprirono, e che significa “luogo degli dei” o “luogo dove gli uomini diventano dei”. La mostra “Teotihuacan: La Città degli Dei” , aperta il 9 novembre 2010, resterà aperta fino al 27 febbraio 2011 al Palazzo delle Esposizioni di Roma. La mostra si affianca a quella intitolata “Mexico, immagini di una rivoluzione”, allestita nello stesso Palazzo delle Esposizioni, e visitabile fino al 9 gennaio.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche