Istantanee dalla Rivoluzione. A Roma la mostra "Mexico, immagini di una rivoluzione"

“Mexico. Immagini di una rivoluzione” è una mostra fotografica suddivisa in undici sezioni tematiche relative ad eventi storici, politici e sociali avvenuti in Messico tra il 1910 ed il 1920. A Roma, al Palazzo Delle Esposizioni, fino al 9 gennaio 2011. Le immagini in bianco e nero arrivano da fondi archivistici della Fototeca Nazionale dell'Instituto Nacional de Antropología e Historia (INAH) di Città del Messico. Scatti che sono il prodotto dello sguardo di vari fotografi su dieci anni di Rivoluzione messicana, presentati sia come testimonianza storica dei fatti accaduti, sia come esempi di personali interpretazioni estetiche.
Curata dal Prof. John Mraz, dell'Universidad Autonoma de Puebla, la mostra prende in esame le fasi del conflitto, focalizzando esperienze di vita sottese alle tragiche vicende della storia rivoluzionaria: da interventi militari, catture ed esecuzioni a carestie, fame e disoccupazione.
Un criterio cronologico attraverso cui “Mexico. Immagini di una rivoluzione” restituisce l'immagine romanzesca di noti caudillos, affiancandovi la rappresentazione del quotidiano e dei processi sociali innescati dalla Rivoluzione. Figure importanti sono: Francisco Madero, Emiliano Zapata, Pascual Orozco e Pancho Villa.

Nove le sezioni tematiche di “Mexico. Immagini di una rivoluzione”: I - Il porfiriato. Dallo studio alla strada; II - Il maderismo. Verso una fotografia di guerra; III - Lo zapatismo. "Las cámaras surianas"; IV - L'orozquismo. I "colorati"; V - Il decennio tragico e il huertismo. Fotografare la reazione; VI - L'invasione a Veracruz. Un laboratorio fotografico; VII - Il villismo e la spontaneità del soggetto; VIII - Il convenzioniamo. Fotografia di contrasti; IX - Il costituzionalismo. Il registro della vittoria. Due le sezioni di approfondimento: X - Icone; XI – Fotografi.
Samuel Tinoco, Eduardo Melhado, Ezequiel Álvarez Tostado, Manuel Ramos, Abraham Lupercio, Miguel y Agustín Víctor Casasola, Géronimo Hernández, Antonio Garduño, Sabino Osuna, Hugo Brehme, Heliodoro Gutiérrez, sono solo alcuni dei fotografi selezionati. “Mexico. Immagini di una rivoluzione” comprende anche due documentari filmati durante la Rivoluzione e provenienti dalla Cineteca dell'Universidad Nacional Autonoma de Mexico (UNAM), restaurati per l'occasione grazie al supporto dell'Instituto Nacional de Antropología e Historia. Infine, il programma “Suoni della Rivoluzione”, punta ad accrescere l'immersione del visitatore nel clima dell'epoca, attraverso 33 tracce di diversi generi musicali.
Sempre al Palazzo delle Esposizioni, ma fino al 27 febbraio è allestita la mostra "Teotihuacan: la Città degli Dei".

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche