Ne mancano solo due. Vicino alla conclusione il salvataggio dei 33 minatori a Copiapó

mineros-de-chile
Quando in Italia era oramai l'ora di cena Dario Segovia si è convertito nel minatore numero 20 estratto dalle profondità della Mina San José, a Copiapó, nel deserto di Atacama, in Cile. Alle 21:30 è stata la volta di Yonny Barrios. L'Operación San Lorenzo, sta continuando senza problemi, come il ministro de Minería, Laurence Golborne, aveva detto precedentemente in una conferenza stampa trasmessa da numerosi mezzi di comunicazione di tutto il mondo. I tempi sono più brevi del previsto e l'operazione potrebbe concludersi stanotte, aveva spiegato Golborne. Così alle due della notte italiana, a 22 ore dall'inizio dei lavori, il trentunesimo minatore, Pedro Cortez, tornava in superficie e, appena fuori dalla capsula, prendeva in braccio sua figlia di sette anni. In questo momento, quindi, restano solo due minatori, poi sarà il turno dei cinque addetti al salvataggio. Intanto i familiari dei minatori hanno deciso, per scelta comune, che non abbandoneranno il Campo Esperanza fino alla conclusione dell'Operación San Lorenzo e finchè non sapranno che tutti i minatori stanno bene, ha detto Alberto Segovia, fratello del minatore Darío Segovia, come riporta il quotidiano cileno La Tercera.


0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche