In Messico dobbiamo smetterla di essere prigionieri della paura. Marisol Valles nuovo capo della Polizia di Praxedis Guerrero

"Mientras seamos presos del miedo no vamos a poder hacer mucho.
Sé que mi integridad está en riesgo
pero también sé que no puedo dejarme
ser presa de este miedo y hay que salir adelante".
Marisol Valles García

marisol-valles-garcia
Marisol Valles García, 20 anni, sposata con un figlio, studentessa dell'ultimo anno della facoltà di Criminologia. Dal 10 ottobre è lei il nuovo capo della polizia di Práxedis Guadalupe Guerrero, 3400 abitanti, a meno di un centinaio di chilometri a sud di Ciudad Juarez, nel cuore dell'omonima Valle de Juarez, stato di Chihuahua. Mercoledì è stata presentata ufficialmente in una conferenza stampa. Il sindaco della città, José Luis Guerrero, non ha trovato nessun altro candidato o candidata per ricoprire il posto di Directora de Seguridad Publica Municipal. Sarà lei, quindi, ha guidare gli agenti, solo 4 dei quali armati, tra cui diverse donne, che ogni giorno hanno il compito di vigilare nelle strade del paese, considerato uno dei tanti feudi del crimine organizzato nel nord del Messico e dal quale, negli ultimi anni, c'è stata una forte emigrazione verso luoghi più sicuri. La città è terreno conteso tra i cartelli di Vicente Carrillo e Joaquín "El Chapo" Guzmán. Lo stesso sindaco, José Luis Guerrero, ha dichiarato che presto si aggiungeranno altri 5 agenti al gruppo, tutte donne. Bastava fare un giro sui siti internet dei vari giornali, locali ed internazionali per trovare la notizia. Nei titoli Marisol Valles García veniva descritta come la donna più coraggiosa del Messico, in altri veniva sottolineata, manco fosse una colpa, la sua giovane età.
Oggi il Diario de Juarez, pubblica un articolo nel quale César Duarte, govenatore dello stato di Chihuahua, esprime al tempo stesso rispetto per la decisione del sindaco di Práxedis Guadalupe Guerrero, e preoccupazione per la mancanza di esperienza della ragazza.
Il capo della Polizia dello Stato, Julián Rivera Bretón, ha offerto a Marisol Valles García una scorta, ma la nuova Directora de Seguridad Publica Municipal, ha rifiutato. E' stato sempre il primo cittadino di Práxedis Guadalupe Guerrero, José Luis Guerrero, a spiegare, che il compito degli agenti di polizia municipale sarà quello di prevenire l'affiliazione di nuove leve al crimine organizzato attraverso il contatto umano con le famiglie e con i cittadini e non combatterlo in prima linea: compito affidato invece all'Esercito e alla Polizia Federale. Pur riconoscendo il problema della mancanza di esperienza, il sindaco ha aggiunto che, poiché gli schemi tradizionali di contrasto alla criminalità organizzata hanno dimostrato di non funzionare, abbiamo deciso di provare un nuovo modo, puntando sulla voglia dei giovani, sul coinvolgimento della cittadinanza, sulla sensibilizzazione, sulla diffusione di valori culturali e sullo sviluppo dell'aggregazione sportiva. Nella conferenza stampa di presentazione di mercoledì, la stessa Marisol Valles García ha detto di non pensare al fatto che potrebbe divenire vittima della violenza dei narcotrafficanti, ma di pensare solo a cosa fare oggi per la società in cui vive. Abbiamo perso una generazione a causa della scelta sbagliata che ha fatto e ora ne paga le conseguenze. Non possiamo permettere che le generazioni future continuino a fare gli stessi errori. In futuro saranno i cittadini a giudicare il mio lavoro, ha concluso. Solo il tempo dirà se la sua scommessa sarà vinta o se sia stato tutto un errore.
Da parte sua la deputata al Congresso dello stato di Chihuahua, Liz Aguilera García, ha chiesto all'aula che esprima un voto di appoggio alla ragazza, classificando la sua scelta come il compimento di una legittima aspirazione e definendo la sua nomina uno spartiacque. Il Diario de Juarez segnala, infine, come la scarsità di risorse economiche del comune non ha ancora permesso di elargire alcuna retribuzione al nuovo capo della polizia. Nonostante la sua posizione di rischio evidenziata da più parti, Marisol Valles García riceverà lo stipendio più basso tra tutti gli agenti della zona di Ciudad Juarez.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche