UNAM. Una filmoteca ed un canale televisivo per tutelare e diffondere il patrimonio culturale del Messico

filmoteca-unamIl 17 maggio del 1889 nasceva nella città di Monterrey, Alfonso Reyes. Figlio dell’allora governatore dello stato di Nuevo Leon, Generale Bernardo Reyes, nel mondo del cinema latinoamericano è noto col soprannome di Fosforo. E’ stato scrittore, poeta e diplomatico. Gli è anche stata intitolata una università, fondata nel 1993 nella città di San Nicolas de los Garzas, stato di Nuevo Leon.
In occasione del centenario dalla nascita, a lui è stata dedicata una targa, sopra la porta della sala della filmoteca della UNAM, Universidad Nacional Autonoma de Mexico. Il 28 aprile scorso, giorno dell’evento, è stato anche proiettato il film “Cabiria”, dell’italiano Giovanni Pastrone. Il film, datato 1914, fu una delle pellicole più importanti e innovative della sua epoca, tanto da poterla definire la prima vera superproduzione, che meriterebbe di essere rivalutata.
E la filmoteca della UNAM punta proprio a localizzare, acquisire, identificare, classificare, restaurare, valorizzare, conservare, restaurare pellicole e tutto quanto sia relazionato con la cinematografia, compresi documenti scritti, iconografici e apparti cinematografici. Comprendente 44.000 titoli, la filmoteca è costituita da due ambienti: il primo ubicato nell’Antico Collegio di San Idelfonso; l’altro, aperto nel 1997, è situato nella zona sud della città universitaria ed è composto da: la Subdirección de Acervos, la Subdirección de Rescate y Restauración, la Unidad de Acceso y Relaciones Interinstitucionales, el Departamento de Programación e la annessa Área de Exhibición, la Casa del Cine e la Unidad Administrativa. Ha lo scopo di conservare la memoria cinematografica del paese, ha detto la direttrice, Guadalupe Ferrer in un’intervista, e di decidere quali filmati hanno un valore storico abbastanza elevato da essere inviati al laboratorio (Restauración) per essere restaurati. L’ultima sfida, secondo Ferrer, è conoscere quali sono le ultime tecnologie che possono permettere la miglior conservazione dell’archivio. filmoteca-unam; unam
Non solo cinema. La UNAM gestisce anche un canale televisivo, Tv UNAM, che collabora con diverse televisioni pubbliche del mondo, proponendo una produzione di gran qualità, che lega i suoi contenuti a quelli di studio, e alla ricerca universitaria. La nuova immagine dell’anno 2010 è legata proprio al legame tra la programmazione, la creatività del pensiero degli studenti e i piani di studio dell’UNAM. Quest’anno è stata anche presentata una collaborazione con la Rai, come spiega Mario Rodriguez, delegato Rai in America Latina, ricordando che il patrimonio Rai è fatto di documentari, filmati storici, film, miniserie, interviste a personaggi importanti, grandi direttori e artisti. Navegantes de las islas è un programma che punta a rivelare le passioni e gli impegni extrauniveristari degli studenti UNAM. Altro interessante programma è El Show de los libros, condotto dallo scrittore Antonio Skarmeta. Ha anche portato in tv una versione video della sua rivista universitaria cartacea, molto letta. Con questa nuova programmazione Tv UNAM diventa una delle migliori televisioni culturali del mondo e una eccellenza nel gruppo delle televisioni universitarie. Questi sono solo due dei motivi che hanno spinto la Fundaciòn Principe de Asturias ad assegnare alla UNAM il Premio Principe de Asturias 2009 de Comunicaciòn y Humanidades.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche