Spunta un simbolo di troppo nell'Operacion Jaque ed è polemica tra il governo colombiano e la Croce Rossa

Dopo il sospetto arriva la conferma da parte del Presidente Uribe. Durante l'Operacion Jaque è stato usato un simbolo della organizzazione internazionale. Martedì scorso il presidente Uribe ha dovuto porgere le scusa formali a nome di tutto il governo della Colombia alla Croce Rossa Internazionale mostrandosi dispiaciuto e assumersi la responsabilità dell'accaduto. In una riunione tra i rappresentanti dell'organizzazione svoltasi nella mattinata di mercoledì, il ministro della Difesa Juan Manuel Santos e gli alti vertici del ministero è emersa la volontà di non ricorrere a nessuna azione legale contro il governo. Ci bastano le scuse, hanno detto i rappresentanti della Croce Rossa, ricordando la necessità di rispettare il loro emblema, guardiano del diritto internazionale che permette ai suoi funzionari di accedere a zone di conflitto per svolgere le loro attività di protezione e assistenza. Non siamo mai stati contattati né abbiamo partecipato all'operazione, hanno concluso. Secondo il racconto . del presidente Uribe, mentre uno dei due elicotteri era sul punto di atterrare un soldato vedendo la gran quantità di guerriglieri si è spaventato e temendo per la sua vita ha indossato un gilet col simbolo della Croce Rossa. Un video della CNN e foto dell'operazione hanno mostrato l'uso del logo anche da parte di un altro militare che lo porta al braccio. Secondo la Convenzione di Ginevra agli articoli 37, 38 e 85 del Protocollo Addizionale Uno e secondo la legge umanitaria internazionale, l'uso indebito del simbolo costituisce crimine di guerra e può mettere in pericolo la vita degli operatori in futuro. Mark Ellis, direttore della Associazione del Diritto Internazionale ha detto che le leggi sono chiare e quel simbolo rappresenta imparzialità e neutralità. Il suo uso improprio debilita la Croce Rossa. Questo è un crimine di guerra, ha sentenziato. Tra le immagini figurano anche quelle che rappresentano un passero rosso stilizzato, circondato dalle parole “Mision Internacional Humanitaria”. Le parole ed il simbolo compaiono sulla pagina web di una ONG con sede a Barcelona, anch'essa assolutamente estranea alla Operacion Jaque.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche