L’inizio di un nuovo boom della letteratura latinoamericana? Alla Feria del libro di Madrid se ne discute

Continua a Madrid la Feria del Libro. Quest’anno i riflettori sono puntati sull’America Latina e la nuova ondata di giovani scrittori che stanno facendo crescere una speranza. L’aspettativa è quella di una riedizione in chiave moderna del famoso boom degli anni sessanta e settanta. Sono trenta i giovani scrittori provenienti da 16 paesi, tra i quali troviamo Andrès Neuman (Buenos Aires, 1977), autore di Bariloche e vincitore nel 1998 del Premio Antonio Carvajal e nel 2002 del Premio Hiperión. Considerato una grande promessa, il suo talento è riconosciuto dalla critica internazionale. Secondo lui la professione della scrittura ha diversi stili, la novella, il racconto, il componimento poetico, e un autore dovrebbe sperimentarli prima di sceglierne uno. Condivide con altri scrittori l’idea che in America Latina alcuni autori stiano cominciando a riappropriarsi di temi nazionali, trattandoli però da un punto di vista straniero. Molti autori moderni hanno studiato o vivono all’estero, soprattutto negli Stati Uniti. Hanno assorbito dunque una visione distaccata, come fossero osservatori esterni del loro paese. Allo stesso tempo la letteratura latinoamericana ha smesso di essere limitata territorialmente divenendo patrimonio della cultura occidentale. Negli anni sessanta e settanta si affermò l’esplosione del realismo magico con la salita alla ribalta di autori quali Gabriél García Marquez e Julio Cortazar. Molti contemporanei sono cresciuti con questi riferimenti, integrandoli poi con altri e assimilandoli al loro bagaglio culturale. Andrès Neuman fa parte di un gruppo di trentanove scrittori latinoamericani sui quali sono riposte molte speranze e aspettative. Nell’aria c’è odore di un nuovo boom. Tra le nuove leve vale la pena ricordare Daniel Alarcón, autore di Radio Ciudad Perdida. Vedremo nei prossimi anni quanti realizzeranno queste attese.

0 commenti:

Posta un commento

 

_

Nota

Diario Latino non rappresenta una testata giornalistica perchè è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, quindi, considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. L'autore non è un giornalista professionista e non è responsabile dei contenuti dei blog ai/dai quali è linkato. I commenti sono sottoposti ad approvazione. Diario Latino is licensed under Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Proibita la ripubblicazione su altri siti/blogs.

Licenza Creative Commons

Statistiche